Arredare la casa in stile nordico


Nelle case del Nord Europa, tra il profumo di cannella, una grande tazza di caffè fumante e soffici waffle speziati, si sviluppa il Nordic decor.
Le caratteristiche mirano a 'correggere' dettagli come la poca luce dei paesi nordici e quindi ambienti poco illuminati dalla luce naturale e gli spazi piccoli per necessità (per fare in modo che in pieno inverno il calore non trovi difficoltà nell'avvolgere tutta la casa).


Il Nordic Decor raggiunge il resto dell'Europa, andando contro la corrente delle case 'piene': l'arredo dal legno scuro e dalle forme maestose. 
Lo stile scandinavo ripulisce gli spazi ed inizia dal principio 'incomincia con l'arredare solo con ciò che ti occorre e poi costruisci il resto dell'ambiente intorno'.


Quali colori predominano nello stile scandinavo?
- il bianco (colore principale, fonte di luce d'eccellenza per gli interni, ma non l'unico colore presente);
- il soft white, una tonalità di bianco sporco, che vira al panna ma con base fredda;
- il powder blu, un azzurro stemperato e freddo, che finisce in uno splendido effetto menta;
- il muddy blush, un rosa nella sua eccezione più cipriata che riesci ad immaginare.


Non solo colori tenui e freddi, le case nordiche ispirano tutt'altro che freddezza ed inospitalità.
L'obiettivo è quello di costruire un ambiente caldo, familiare, dolce come un rifugio e ricercato come un appartamento da rivista.

Il calore è generato dalle tonalità a contrasto:
- il blue intenso e quello che vira all'ottanio;
- il nero (solo se distribuito sui contorni dell'arredo, come le gambe di un tavolo, il perimetro di una libreria o di una finestra);
- il grigio charcoal, ossia il color carbone, un grigio caldo, pieno ed elegante.


Il marmo, il legno, la lana grossa ed il cotone grezzo.

Nella grande maggioranza delle case nordiche il pavimento è in legno, un delizioso parquet che alla vista sembra leggero, grazie alle chiare tonalità utilizzate.
Il legno scalda ed i colori chiari ingrandiscono, perfetto per le case piccole e che hanno bisogno di luce.
Il legno è presente anche nell'arredo, ma solo in precise tipologie:
- legno di noce;
- di quercia;
- di betulla;
- di frassino;
- di larice.


Negli ultimi anni, i piedini in legno di ciliegio dei mobili hanno fatto faville nell'arredo del resto d'Europa.
Le stampe pulite e quelle quadrettate rigorosamente in bianco e nero.
Le trame spesse e gli inserti in pelliccia (solo in pieno inverno e solo se sintetica).


La ricerca piacevole delle geometrie per un ambiente che non risulta mai spigoloso.
Il segreto? Sono i colori.
Un lampadario color rame rosato (copper o rose gold) strutturato su rigide cadenze geometriche, emetterà una luce favolosa. Sembrerà quasi un diamante fluttuante.

Il nordic decor non è solo grandi arredi e colori, ma anche e soprattutto ciò che corona  il resto della stanza.
L'ho accennato all'inizio di questo post: arreda prima con l'essenziale e poi costruisci intorno il resto.
La comodità e l'essenzialità.

Le piante d'appartamento sono un ottimo elemento decor per rinfrescare e riempire.
I vasi in vetro trasparente o bottiglie e vasetti riciclati, sono bellissime soluzioni per raccogliere fiori freschi e posizionarli sul tavolo in cucina,
Il marmo caratterizza grandi superfici o piccoli oggetti.
Dal piano della cucina, al tappetino per il mouse ricoperto da grafica marble, al vaso o al vassoio svuotatasche.


E infine, il nordic decor, anzi il Nordic Style è un modo di vedere il mondo nei suoi piccoli e grandi aspetti. E' scegliere la calma, il piacere, la positività e preferirli al caos, alle troppe scelte, agli spazi troppo pieni.
È la ricerca della luce da raccogliere in piccoli spazi per accogliere te.

Ti ho tentato almeno un po' con lo stile nordico? :)
Spero che questi spunti possano esserti stati utili per chiarire o scoprire o aggiungere informazioni a questo fantastico mondo del nordic interior.

Share this:

Posta un commento

 
Copyright © gratiocafe blog. Designed by OddThemes