L'algoritmo di Instagram non è un tuo nemico

luglio 24, 2018

È stata la novità del 2018, nata con l'intento di dare una ripulita ad una community sempre più grande.
Se ti dicessi che l'algoritmo non è affatto un tuo nemico?
Consideralo un alleato per fare in modo che la community resti community, e non un campo minato che ha come unico obiettivo 'fare soldi'.

Instagram si è comportato proprio come una comunità: 'tutti pagano lo sbaglio di uno solo'.
BOT, programmini follow unfollow, lo stesso follow unfollow manuale oppure tante di quelle app che ti propongono gruppi di ashtag da aggiungere alla foto, tutti uguali, sempre gli stessi ed i gruppi Telegram che organizzano ondate di like e scambi di favori.
Immagina tutti questi mezzucci agire insieme, in un unico minuto, cosa stava diventando Instagram?

Da quanto detto qui sopra, puoi già capire da che parte stiamo.
Siamo totalmente contrari a BOT e company, crediamo solo in un sano impegno ed in una sana pianificazione.
Quindi qui non troverai mai consigli o dritte sul gruppo o l'app migliore per fare followers.

Se il tuo obiettivo è solo quello di farti conoscere e conoscere tante tante persone, stendendo strategie con un'etica e ragionamento, allora sei stra benvenuto.

Qui di seguito ti elenco qualche dritta efficace per alzare l'interazione del tuo account Instagram e rientrare piano piano nelle grazie dell'algoritmo.
La soluzione è semplice: fai in modo che Instagram capisca che sei qui perchè condividere la tua vita o parte di essa o parlare del tuo brand, è la tua grande passione.

Questi meccanismi sono validi per i profili business.

Ogni dritta contiene argomenti che andrebbero ampliati all'infinito, c'è così tanto di cui parlare quando si vuole intraprendere la strada giusta per la miglior interpretazione di se stessi o del proprio business, ma dato che un post troppo lungo sarebbe fin troppo noioso, cercherò di centrare i piccoli punti utili per ogni concetto.

INSTAGRAM E' UNA COMMUNITY
Tira fuori il lato più social di te.

★ Se hai pubblicato un contenuto ed un utente lascia un commento sotto quella foto, non far passare ore, ma rispondi entro i primi 5 minuti.
La pubblicazione del tuo contenuto e le interazioni che questo crea, sono costantemente monitorate dall'algoritmo e se non rispondi a chi ha espresso interesse verso qualcosa che hai detto, l'algoritmo penalizzerà la diffusione del tuo contenuto.
Hai notato che ultimamente molte social celebrity interagiscono molto di più e decisamente più in fretta con chi lascia loro un commento?
Ecco, se tu fai silenzio, Instagram non troverà un motivo valido per darti voce, considerala un po' così.

★ Spesso capita di 'chiudersi' nella propria attività su Instagram e di comunicare poco con l'altro...o troppo! Dimentica lo scopo (se ne hai uno legato al business) per cui lo fai, ma allo stesso tempo fatti guidare dalla naturale curiosità di scoprire ciò che può arricchirti.
Metti like, commenta, invia messaggi, interagisci con le stories, questo renderà solo più viva la tua permanenza su Instagram.
Ti dicevo però, che non bisogna eccedere, infatti se questo dovesse accadere, Instagram ti avviserà subito che sta notando delle anomalie nella tua interazione (del tipo, ehi stai disturbando la community per caso? Basta con questi like compulsivi!) Lo trovo unO 'stop' molto sciocco, ma esiste e quindi cerca di non incontrarlo.
Con molta naturalezza, cerca di capire quanta interazione puoi fare senza ch Instagram ti richiami all'ordine.
Ma non rinunciare a questo, è l'aspetto più prezioso del social.

★ Utilizza le stories ogni giorno (in genere se utilizzi TUTTI gli strumenti che Instagram ti mette a disposizione, l'interazione di conseguenza sale, perchè Instagram vuole proprio che tu lo faccia).

- Nelle stories per esempio, puoi anche rimandare ad un post nuovo che hai appena pubblicato nella gallery, ma cerca un modo carino per farlo e non proporlo ogni giorno e sempre con lo stesso stile (per esempio, quello proposto con lo screenshot del profilo e con l'ultima foto pubblicata cancellata, ecco quello non è più un metodo molto simpatico, anzi crea 'antipatia').

- Utilizza tutti gli strumenti delle Stories, come le domande o i sondaggi e tieniti sempre aggiornato sulle novità che puoi utilizzare.

- Ogni tanto inserisci un tag nelle tue stories, che sia inerente e non insistente in tutti i contenuti (quando qualche mese fa parlammo del Royal Wedding nelle nostre stories, non immagini la quantità di persone che visualizzò quelle stories, quanti scambi di parole e quanti nuovi followers di conseguenza). Trova il tuo hashtag, tenta, metti alla prova, sperimenta, lo troverai!

Le stories non sono penalizzate in alcun modo dal punto di vista delle interazioni, quindi vale la pena trovare il tuo stile per realizzarne ogni giorno di nuove.
PRIMA DI PUBBLICARE, ORGANIZZA IL TESTO E GLI HASHTAG
Ciò che adoriamo di più, pianificare!

★ Una volta pubblicato il tuo contenuto, non toccarlo più almeno per le 24 ore dopo.
Se inizi a modificare, a cambiare testo (anche solo un errore di testo) e a modificare o aggiungere hashtag, Instagram lo avvertirà come qualcosa di sospetto. Ti scambierà per una qualche automazione a caccia di followers.
Impacchetta il tuo contenuto, controlla bene ogni cosa e via!


LA COLPA NON E' TUTTA DELL'ALGORITMO
Rivedi le tue scelte.

★ Cerca di conoscere al meglio chi ti segue, i loro interessi, i gusti, le curiosità e mettiti nella posizione di proporre qualcosa che sì riguarda ovviamente te o la tua attività, ma allo stesso tempo, qualcosa che saprai genererà interesse.
Si dice che (dato non confermato) solo il 10% dei tuoi followers visualizza le novità che posti, ma il resto della percentuale può crescere se questo 10% inizia a mettere like e ad interagire con te o a salvare il post: più il contenuto piace al tuo 10% e più l'interazione cresce e più il tuo post raggiungerà persone.
Se finisci per pubblicare qualcosa che a gran parte del tuo 10% non convince, la tua interazione non crescerà, ma resterà come inglobata in quell'"insuccesso".
A questo punto chiediti perchè, non dare tutta la colpa al logaritmo scaricando ogni scelta su di esso.
La colpa non è totalmente sua, diminuisce le possibilità certo, ma non le azzera e ti dà probabilmente la possibilità, di conoscere davvero chi ti segue.

CREA LA TUA NICCHIA
Cura i tuoi interessi.

★ Instagram è talmente ricco che tira fuori anche interessi che non pensavi di avere, ma essere troppo 'esteso' non giova alla tua attività social.
Cerca di creare e prenderti cura della tua nicchia (per esempio beauty e decor oppure bio, cucina e viaggi) pubblicando ed utilizzando hashtag che rimandano a questi argomenti, ma allo stesso tempo cercando ed interagendo con chi scopri avere gli stessi interessi.
In questo modo il logaritmo memorizzerà man mano la tua nicchia e proporrà a te nuovi profili interessanti e verrai proposto allo stesso tempo, a chi potrebbe trovare interessante ciò che fai (così la tua cerchia crescerà).

LA SCELTA DEGLI HASHTAG
Non sono solo parole.

★ Su questo ci sono due scuole di pensiero ed una considerazione non ancora ufficializzata:

- se Instagram mette a disposizione una trentina di hashtag da poter inserire nella didascalia, allora non c'è niente di male nell'inserirli tutti. Sì e no.
Resta sempre nella tua nicchia e se riesci a creare un filo conduttore tra i tuoi hashtag, ancora meglio.
Per esempio decor, homedecor, decoration, decorinspo. C'è un filo logico, un collegamento che l'algoritmo percepirà positivamente e ti agevolerà nell'inserirti negli argomenti giusti.
Non abusare degli hashtag, se non te ne viene altro in mente, non aggiungerlo per forza, non divagare.

- Il numero perfetto di hashtag da inserire all'interno di una didascalia è 5 (stiamo ancora sperimentando e per ora sono soddisfatta nell'utilizzo di questa quantità, ma non confermerei ora l'efficacia assoluta della cosa).

- Gli hashtag nei commenti, pare siano molto sensibili al fenomeno dello shadowban, alcuni dicono addirittura che non abbiano alcuna efficacia. Anche su questo punto, oltre a dirti che di primo acchito, non l'ho mai trovato utile e non ne faccio uso, non sento di poter confermare l'efficacia o meno.

★ Non utilizzare gli stessi hashtag sotto ogni tua foto.
E' bene crearsi un elenco di parole per evitare di perderle di vista, ma non replicarle nello stesso ordine per tutte le tue foto.
Lo shadowban punisce l'abuso ripetitivo degli hashtag e non verrai neanche avvisato, ma semplicemente le tue foto smetteranno di essere visualizzate sotto quell'hashtag da cui sei stato appunto bannato.
Anche qui, Instagram avverte quest'azione come se fosse fatta da un robot, per questo ricorrerà alla penalizzazione.


L'IMPORTANZA DEI COMMENTI, QUELLI VERI.
Un mondo di parole.

★ I mezzucci hanno imparato anche a parlare, lasciando commenti random come cool! wow! amazing! etc...Non imitare i BOT, anche involontariamente.
Chi ti lascia un commento formato da una sola parola, molto probabilmente ti penalizzerà (anche se non hai nessuna responsabilità sui commenti degli altri), perchè verrà riconosciuta come azione da robot e l'algoritmo penserà che tu hai qualcosa a che fare con tutto questo.
La stessa cosa vale per te, lascia commenti di almeno 5 parole o invita il tuo pubblico a chiacchierare con te.

Come ti dicevo prima, ci sarebbero tante di quelle cose di cui chiacchiere, ma spero che questo primo post ti sia piaciuto.
Mi raccomando, armati di pazienza e perseveranza, organizzazione e strategia e l'avrai vinta di sicuro!


 
Copyright © gratiocafe blog. Designed by OddThemes